Gemellopoli - La città dei gemelli e delle gemelle

Le nostre sezioni


Siti Amici


Se volete far parte di Gemellopoli basta inviare una foto dei gemelli/e (indicando i loro nomi, il cognome, la data e il luogo di nascita) al seguente indirizzo di posta: info@gemellopoli.it



Tutto sui gemelli

Gemelli Monozigoti

I gemelli monozigoti (o gemelli identici) derivano da un solo ovocita, fecondato da un solo spermatozoo, che a un certo punto si sdoppia in due embrioni identici.
Se la separazione avviene a meno di 48 ore dalla fecondazione (28 % dei casi) ogni bambino avrà una propria placenta e un proprio sacco amniotico.
Se lo sdoppiamento avviene tra il 3° e il 7° giorno (70 % dei casi), i due gemelli condivideranno la placenta ma avranno sacchi amniotici separati.
Dopo l'8° giorno saranno nello stesso sacco (2 % dei casi - è il caso della nostra nascita). La separazione successiva al 13° giorno (un parto su 75.000) produrrà gemelli siamesi.
Un mito da sfatare è quello della telepatia. Si può parlare però di empatia: una condivisione di pensieri e di emozioni. Nei piccoli gemelli si osserva un particolare linguaggio fatto di codici e ammiccamenti, che rinforzano il loro legame.
Per saperne di più, vai su Gemelli

Gemelli Dizigoti

I gemelli dizigoti, o fraterni, nascono da due diverse cellule uovo, che maturano all'interno dello stesso ciclo e sono fecondate da due spematozoi.
Nell'utero sono separati, ognuno con la propria placenta e il proprio sacco amniotico.
I fattori genetici e il ricorso a trattamenti per l'infertilità non sembrano avere incidenza sulla probabilità di avere gemelli monozigoti. Invece i dizigoti sono legati sia alle terapie per la fertilità, sia a fattori genetici.
La tendenza ad avere gemelli fraterni può essere ereditata da entrambi i genitori e la probabilità è maggiore per via materna.
Non trova invece fondamento il detto popolare secondo il quale "i gemelli saltano una generazione".
Per saperne di più, vai su Gemelli

Gemelli Siamesi

Quest'espressione fu coniata per Eng e Chang Bunker, i famosi gemelli congiunti provenienti dal Siam (l'odierna Thailandia) che si gauadagnavano da vivere negli USA come attrazione nei circhi Barnum e Baily. Gli scienziato del tempo dibatterono sull'argomento di una possibile riuscita della separazione, dato che i gemelli erano giunti al torace da uno spesso strato di tessuto. Essi condussero una vita lunga e feconda fino alla morte, all'eta' di 63 anni. Entrambi si sposarono e generarono un totale di 22 figli. E' interessante notare che due delle loro nipoti ebbero due coppie di gemelli normali.
Ecco alcuni dei casi più importanti di operazioni per separare gemelli siamesi registrati negli ultimi 10 anni:
Giugno 1994: in Sudafrica, Nthabiseng e Mahletse Makwaeba, di nove mesi, unite per la testa e con l'arteria che alimenta i due cervelli in comune, vengono separate nell'ospedale Grankuwa di Pretoria (Sudafrica), ma una delle due muore subito dopo l' operazione.
Gennaio 1995: Hira e Nida Jamal, due anni, pachistane unite per la testa, vengono separate in un ospedale pediatrico di Toronto (Canada).
Agosto 1995: Nichelle e Michelle Teheda, tre mesi, unite per la testa, vengono separate nel St.David's Hospital di Austin (Usa). Una delle due muore dopo circa due settimane.
Settembre 1996: Doris e Bessy Gonzales, nate in Honduras da un anno, unite per la testa, sono separate al Centro medico per bambini di Salt Lake City (Usa).
Settembre 2000: Maria Josè e Maria Fernanda, nate da pochi giorni in Colombia unite per la testa, sono separate all' ospedale di Cartagena, ma muoiono poco dopo l' operazione.
Ottobre 2000: Tay-lah e Monique Armstrong, australiane di sei mesi unite nella parte posteriore della testa, sono separate nel Royal Children's Hospital di Brisbane (Australia).
Aprile 2001: Ganga e Jamuna Shrestha, nepalesi di 11 mesi, unite per la testa, sono separate all' ospedale di Singapore, con un' operazione durata 75 ore.
Maggio 2001: Bethany e Alyssa Nolan, nate in Australia da tre settimane unite per la testa, sono separate nel Royal Children's Hospital di Brisbane (Australia), ma una muore nell' operazione.
Agosto 2002: Maria Teresa e Maria de Jesus Quiej-Alvarez, del Guatemala, un anno appena compiuto, sono separate dopo un intervento durato circa 20 ore, al Mattel Children's Hospital dell'Universita' della California, a Los Angeles.
Luglio 2003: Le gemelle siamesi Iraniane Ladan e Laleh Bijani (29 anni), unite dalla testa, sono morte dopo un intervento di 53 ore all'ospedale "Raffles" di Singapore.
Ottobre 2003: Due interventi riusciti a Roma e a Dallas su due coppie di gemelli siamesi. A Roma separate due gemelle di Salonicco, a Dallas intervento per due gemelli egiziani, Mohamed e Ahmed. Entrambe le coppie erano unite per la testa.

Statistiche e parti plurigemellari

Un tempo i gemelli erano rari, negli ultimi anni il numero delle nascite gemellari è andato via via aumentando, soprattutto per il diffondersi delle nuove tecniche di fecondazione. Da quando queste tecniche sono venute in aiuto delle coppie che stentano ad avere figli, i parti gemellari nei paesi occidentali sono aumentati del 47 %, mentre quelli plurigemellari del 370 %. Secondo dati ISTAT, attualmente ogni anno in Italia si hanno circa 5600 gravidanze gemellari e 280 trigemine. Molti di questi nuovi gemelli non sono identici, perché, a differenza dei monozigoti, che si sviluppano dallo stesso uovo fecondato, nascono dalla fecondazione di uova distinte. Ma come i monozigoti anche i dizigoti sono abituati sin dalla vita fetale a vivere a contatto. Un contatto che rimane vivissimo anche dopo la nascita: ogni gemello impara a riconoscere il pianto, l'odore , le fattezze e le mimiche dei suoi cogemelli, e così questi bimbi si influenzano a vicenda fin dai primi giorni di vita e creano tra di loro un legame molto intenso. I gemelli italiani più famosi sono ancora i gemelli Giannini nati nel gennaio del 1980. Dopo di loro i sei gemellini nati a Napoli nel 1996 e a Treviso nell'agosto 1997. Tutti insieme vanno ad arricchire i record, ormai numerosissimi, delle nascite plurigemellari nel mondo.
Nei primi decenni del secolo sono rimasti memorabili i dieci gemelli nati in Spagna nel 1924, in Cina nel 1926 e in Brasile nel 1946, dei quali pero' non e' rimasta alcuna documentazione medica. Di conseguenza il record ufficiale spetta alla donna australiana che nel 1971 ha dato alla luce nove bimbi nati vivi. Tra i parti di otto gemelli sono passati alla storia quelli avvenuti in Grecia nel 1977 e in Turchia nel 1985 (tutti i neonati morirono pero' in pochi giorni) e quello avvenuto a Napoli nell'agosto 1979 (due sopravvissuti).
Nascita record di otto gemelli registrata anche nel Salvador nel 1996; e sono vivi sette degli otto nati in Texas nel dicembre '98. Nascite di sette gemelli sono avvenute a Palermo il 20 maggio 1989 (nessun sopravvissuto) e a Roma il 23 ottobre 1992 (cinque sopravvissuti).
Altri casi si sono avuti nel 1985 negli Stati Uniti (tre vivi), nel 1987 in Gran Bretagna (tutti morti) e Pakistan, nel 1988 in India, nel gennaio '97 a Citta' del Messico e nel dicembre '98 in Cina. Tra le nascite di sei gemelli, le piu' celebri al mondo sono probabilmente le Walton, nate in Gran Bretagna nel 1983.
Si calcola infatti che c'e' una probabilita' su 140 miliardi che in un parto esagemellare nascano tutte femmine. Sei gemelli sono nati a Roma nell'agosto 1970, in Sudafrica e in Gran Bretagna nel 1974 e in Giappone nel 1976. Nello stesso anno sono nati sei gemelli anche in Iran, nel '77 in Francia, Grecia e Olanda, nel '78 ad Alghero.
Nel 1980, nascono sei gemelli anche in Egitto. Nel 1983 in Belgio e Germania; nel 1984 avvengono due parti esagemellari in Kuwait; nell'84 in Turchia e nell'85 a Roma. Sorpresa, infine, nel novembre '98 per una coppia di Singapore che attendeva cinque gemelli e che ha scoperto di averne avuti sei al momento del parto.
Di gran lunga piu' numerose le nascite di cinque gemelli. E' rimasta celebre quella delle bambine Dionne, avvenuta negli Stati Uniti nel 1934. Nel 1975 sono nati cinque gemelli negli Stati Uniti, nel '76 in Giappone, Gran Bretagna e Israele, nel '79 in Francia e in Italia, in provincia di Brindisi (nessun sopravvissuto). Nel 1980 in Olanda e in Italia, a Rovigo (nessun sopravvissuto) e Milano. Cinque gemelli sono nati in Ungheria nel 1933 e nel 1983.
Sempre nel 1983 sono nati cinque gemelli a Napoli. Piu' recentemente si sono avuti altri casi in Italia a Cagliari (1996), Bolzano ('97) e Napoli ('97).

:: Inizio pagina ::